.

2piu2uguale5

Nonostante il 21 marzo, l'impegno contro le mafie si è affievolito

contributo inviato da paoloborrello il 16 marzo 2018

Il prossimo 21 marzo l’associazione Libera, presieduta da don Luigi Ciotti, celebrerà, come ogni anno la giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, a Foggia. Mi sembra però che negli ultimi anni in Italia si sia affievolito l’impegno contro le mafie.

Perché a Foggia la manifestazione più importante della giornata del 21 marzo?

Così Libera motiva questa scelta:

“Perché la Puglia è una regione, una terra, colpita da gravissimi fatti di sangue, causati dalle mafie.

Tornare in Puglia e aver scelto in particolare quel territorio, non è una decisione casuale. Terra, solchi di verità e giustizia è il tema della XXIII edizione.

Replicando la “formula” adottata negli ultimi due anni, Foggia sarà il 21 marzo la “piazza” principale, ma simultaneamente, in migliaia di luoghi d’Italia, dell’Europa e dell’America Latina, la giornata della memoria e dell’impegno verrà vissuta attraverso la lettura dei nomi delle vittime e, di seguito, con momenti di riflessione e approfondimento.

Libera va a Foggia perché quella terra ha bisogno di essere raccontata. Libera va a Foggia perché le mafie del foggiano sono organizzazioni criminali molto pericolose che facciamo una tragica fatica a leggere. Perché, malgrado l’evidenza, la percezione della cittadinanza è ancora bassa.

Una mafia, quella foggiana, così invasiva da spaventare. Le mafie foggiane sparano mentre le altre mafie non sparano più. Le mafie foggiane, tutte le mafie foggiane, mantengono la loro evidenza violenta laddove le altre mafie impongono il silenzio.

Foggia è una città sotto attacco. La Capitanata è una provincia sotto attacco. Dall’inizio del 2017 sono 17 le persone morte ammazzate, cui si aggiungono due casi di “lupara bianca”, su una popolazione di 620.000 abitanti.

Un dato tanto impressionante quanto ignoto. La criminalità organizzata del foggiano vive dell’ignoranza che la circonda. Per esempio, quella di quanti continuano ad associarla alla Sacra corona unita, come fosse una cosa sola con quest’ultima. Cosa che non è, e anzi, le stesse mafie della provincia di Foggia hanno, tra loro, peculiarità che le differenziano.

E così, la manifestazione del prossimo 21 marzo serve innanzitutto a questo: a generare consapevolezza e a colmare un ritardo storico, figlio della sottovalutazione. Serve non a colpevolizzare un contesto, magari tacciandolo tout court per mafioso, ma a spiegare quel che ci raccontano le indagini, le inchieste, le morti per strada e nelle campagne, i fatti.

Serve a dire che la mafia foggiana è sì violenta e triviale, ma ha profondamente le mani nell’affare. E che i soldi di quell’affare, di quegli affari, vengono tolti a tutti. E che, quindi, le mafie sono il freno allo sviluppo, tanto economico quanto civile.

La manifestazione del prossimo 21 marzo è un modo per rompere in modo definitivo con questa logica muta, per riscattarsi dal fallimento culturale che non assolve nessuno, ma che coinvolge tutti. C’è da ricucire un nuovo tessuto sociale che abbia una fibra resistente.

La giornata dell’impegno e della memoria potrebbe essere utile a convogliare le forze di quanti siano disponibili a questo lavoro di sartoria comunitaria. Vige la convinzione di non poter cambiare le cose. C’è una speranza andata in cancrena e diventata tumorale. Non è tanto sfiducia nelle istituzioni, quanto piuttosto il patimento di chi sa di vivere in un luogo dove nemmeno il sacrificio della vita può cambiare lo stato delle cose…”.

La scelta di Libera mi sembra molto importante, non solo, per i motivi già citati, per avere deciso di svolgere la manifestazione di maggiore rilievo a Foggia, ma perché Libera continua a celebrare il 21 marzo la giornata della memoria e dell’impegno.

Più in generale ritengo di notevole importanza l’azione che, quotidianamente, Libera porta avanti, anche sul tema della corruzione, problematica molto legata alle attività delle mafie.

Credo però che nel nostro Paese l’attenzione nei confronti delle mafie è andata riducendosi nel corso degli ultimi anni, forse perché, nonostante gli atti di violenza quali quelli verificatisi nel Foggiano o a Napoli, le mafie sono diventate meno visibili perché complessivamente le morti da esse provocate sono diminuite.

Ma non per questo le mafie sono diventate meno pericolose. Le loro attività si sono estese, rendendole prevalentemente dei soggetti economici criminali molto potenti che operano ormai in tutta l’Italia e non solo nelle regioni meridionali, limitando fortemente le libertà di parti molto consistenti della nostra popolazione.

Meno morti e più affari. Così si potrebbe sintetizzare la trasformazione che ha contraddistinto le mafie negli ultimi anni.

E ciò è avvenuto soprattutto tramite una crescita delle relazioni con le pubbliche amministrazioni.

E’ per questo motivo che nei programmi elaborati dai diversi partiti in vista delle elezioni politiche del 4 marzo così poco spazio è stato attribuito alla necessità di efficaci azioni di contrasto nei confronti delle mafie?

E’ però certo che, invece, l’impegno contro le mafie si dovrebbe intensificare, soprattutto da parte del mondo politico, del governo, della magistratura e delle forze dell’ordine.

Ma per raggiungere questo obiettivo occorre una maggiore pressione popolare che solleciti questo impegno più intenso.

Tutti i giorni, non solo il 21 marzo, e non solo da parte di Libera.


commenti:

inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.

informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
2 aprile 2009
attivita' nel GRUPPO





2piu2uguale5

“La vera libertà di stampa è dire alla gente ciò che la gente non vorrebbe sentirsi dire.”

George Orwell

Si discute di (Tags)



Creato da Moon81
Membri attivi 156

Clicca per visualizzare la geomappa dinamica dei membri

Ultimi iscritti

tutti i membri




Puoi iscriverti liberamente e partecipare alle attività del gruppo 2piu2uguale5.

CON BLOG
Se hai un blog - su qualunque piattaforma - i tuoi post verranno aggregati automaticamente. Dopo l'iscrizione, segui le istruzioni per aggregare blog.
Se non hai un blog puoi aprirlo ora sul Cannocchiale.

SENZA BLOG
Se non hai un blog puoi iscriverti comunque e partecipare ai Gruppoe alle altre attività di prossima attivazione.
Iscriviti ora!

Se sei già iscritto e non vedi i tuoi contenuti aggregati, leggi la pagina di aiuto.